__________________________________

Acqua pulita nel Distretto di Koboko

___________________________________________________________

Contribuisci anche tu alla realizzazione del progetto: per ogni Euro versato un ulteriore abitante del Distretto di Koboko potrà disporre di acqua pulita. 

Per le modalità di versamento clicca qui.

___________________________________________________________

Nella Distretto di Koboko, estremo nord ovest dell'Uganda, circa metà degli oltre 250.000 abitanti non ha accesso a fonti d’acqua sicura, con gravi conseguenze per le loro condizioni di salute e per quelle dei bambini in particolare.

A partire dall'estate 2016 la situazione è stata ulteriormente aggravata dall'afflusso di alcune decine di migliaia di rifugiati provocato dalla guerra civile in atto nel  vicino Sud Sudan.

Intendiamo intervenire per migliorare tale situazione mediante la protezione e captazione, con la realizzazione di piccole opere di presa, di 30 sorgenti d'acqua esistenti nel territorio del Distretto.

Si tratta di un intervento, avviato ad inizio 2018, analogo a quelli già realizzati negli scorsi anni nella vicina Chefferie des Kakwa, Repubblica Democratica del Congo, mediante il quale la situazione di ogni sorgente sarà modificata come si può vedere dalle foto: nella prima una delle sorgenti su cui si intende intervenire, nella seconda una delle sorgenti della Chefferie des Kakwa su cui è già stato effettuato l'intervento di captazione e protezione.

L'intervento era stato originariamente previsto nella Contea di Morobo, in Sud Sudan, ma non risulta possibile realizzarlo in quella zona a causa della guerra civile in atto in quel paese. La guerra ha tra l'altro provocato la fuga verso l'Uganda e la Repubblica Democratica del Congo di gran parte della popolazione della Contea, donne, anziani e bambini in particolare.

 

L'intervento su 30 sorgenti permetterà a almeno 24.000 abitanti del Distretto di Koboko (si stima una media di almeno 800 utenti per ogni sorgente) di avere accesso ad acqua pulita.

 

Per la realizzazione del progetto è prevista una spesa complessiva di circa 112.000 Euro, sulla quale, nel febbraio 2016, la Provincia Autonoma di Trento ha concesso un contributo dell’80%.